ATTO DI COSTITUZIONE IN MORA

Descrizione sintetica dei fatti
Le attività di xxxxxxx (indicare la norma di legge a fronte della quale è stata fatta la consulenza) (inerente lo stabilimento XXX), previste in offerta e nell’ordine ricevuto il xx, sono state tutte concluse, secondo quanto specificatoVi di volta in volta negli stati avanzamento lavori comunicati il xx , xx…

Vi sono state trasmesse le seguenti fatture-da voi mai contestate-:

• n.yy del xx

• n. zz del yy

Esse sono state inviate sia per posta cartacea ordinaria sia tramite Posta Elettronica Certificata – PEC.

In data xxx la scrivente ha inviato formale sollecito di pagamento, dalla propria casella PEC alla vs. casella PEC e per conoscenza, anche all’indirizzo di posta ordinaria della xxx

Non avendo ricevuto riscontro, la scrivente ha inviato un secondo sollecito di pagamento, in data xx, sempre dalla propria casella PEC alla vs. casella PEC ed anche agli indirizzi di posta ordinaria della sig.ra xxx.

Alla data odierna, yyy, non risulta dai movimenti bancari, il saldo del dovuto.

Si rileva, inoltre, l’assenza di un Vs. cortese riscontro ai solleciti succitati, costantemente ignorati.

Ad oggi, quindi, il credito vantato nei vs. confronti, ammonta a:

• zz € pari al corrispettivo delle prestazioni indicate nelle fatture citate;

• qq € per interessi moratori ex art. 4 Dlgs 231/2002 come specificato in calce alle fatture, calcolati sull’imponibile dal giorno successivo alla scadenza di ciascuna di esse, sino al ee, applicando il tasso di interesse di cui al Comunicato del Ministero dell’Economia e delle Finanze, GU n. ee

Tutto quanto ciò premesso, con la presente

vi costituiamo formalmente in mora ai sensi e per gli effetti dell’art. 1219 CC

rimanendo in attesa dell’adempimento esatto ed integrale, nel termine perentorio di 20 (venti) giorni dalla ricezione della presente, tramite bonifico bancario sul conto corrente ….. … 0000 0…istituto bancario ….

Alla mancata ricezione del bonifico nei termini anzidetti si provvederà-senza ulteriore avviso o comunicazione-ad adire le competenti sedi giudiziarie per il recupero del credito secondo le modalità previste dal Codice di Procedura Civile, con beneplacito di spese e danni.

Luogo, Data

Nome, Firma..

(Nota: si consiglia il piego raccomandato, cioè l’invio senza busta. In questo modo il ricevente non può sostenere di aver ricevuto una busta vuota. In pratica: stampo la prima pagina bianca con l’indirizzo del destinatario, poi le altre pagine e le pinzo insieme. Le piego come una normale busta commerciale e le pinzo insieme. In posta va chiesto espressamente il “Piego raccomandato” (Costa un po’ di più); la modulistica è la stessa delle racc AR.).
Attenzione che trascorso il termine è necessario dar seguito alla mora, a pena di passare per acquiescenti.

0 Comments

Leave a reply

CONTATTACI

Siamo a tua disposizione per qualsiasi domanda inerente il sito. Scrivi qui la tua richiesta e ti risponderemo appena possibile. Lo Staff di Consulenti Tecnici.

Sending

©2015 Tutti i diritti riservati. Webdesign by Housegrafik

Log in with your credentials

or    

Forgot your details

Create Account