C.T.U. e affiancamento Ufficiale Giudiziario

Questo argomento contiene 3 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da Foto del profilo di Battistoni Luca lb 6 mesi fa.

  • Autore
    Articoli
  • #194345
    Foto del profilo di vellucci aldo Aldo84 
    Partecipante

    Salve, mi sono appena iscritto al forum, avrei bisogno di un vostro consiglio professionale in merito alla seguente questione!
    A causa di danni a struttura provocata da inquilino piano terzo ad inquilino piano secondo, fu nominato un primo c.t.u. che eseguì
    sopralluogo su appartamenti, ne determinò le cause (infiltrazioni terrazzo) e stimò i danni, il giudice tramite la c.t.u. ordinò al
    propr. piano terzo di ripristinare i danni a proprie spese.
    Dopo un anno circa il propr. piano secondo presenta ricorso, dicendo che ad oggi ancora non sono stati effettuati i lavori di ripristino!
    Il giudice nomina 2° c.t.u. (io), al quale si chiede di eseguire sopralluogo su gli immobili su descritti per accertare come da prima c.t.u.
    se sono stati eseguiti i lavori, qualora non fossero stati eseguiti, redigere un computo metrico, convocare imprese edili, direzione lavori con eventuali titoli edilizi da richiedere, ed in fine stesura perizia!
    Il giudice mi ha dato di tempo 120 gg compreso invio bozza ctu alle parti.
    Nel mio primo sopralluogo non sono potuto accedere in appartamento piano terzo, il suo avv. mi ha chiesto la cortesia di rinviare il sopralluogo fra due mesi, perché
    il convenuto è all’estero, gli ho spiegato che pur volendo non si rientra con i tempi dettati dal giudice, e mi necessita un sopralluogo sul appartamento al più presto. Da quest’ultima conversazione non sono riesco più a mettermi in contatto con l’avvocato di parte convenuta ( non mi risponde).
    Ora la mia domanda è: Siccome è la prima volta che mi capita, vorrei sapere da voi più esperti, qual’è l’iter per mettersi in contatto con l’ufficiale giudiziario e usufruire di un accesso forzato all’appartamento? dato che comunque lo stesso dovrà essere presente ad inizio e fine dei Lavori!
    Grazie in anticipo a tutti!

    #194346
    Foto del profilo di Battistoni Luca lb 
    Partecipante

    Io intanto manderei nuova comunicazione per un secondo sopralluogo (al proprietario e, in particolare, all’avvocato con una pec).
    Se anche al secondo sopralluogo non riesci ad accedere, chiedi al giudice disposizioni in merito sempre che nell’incarico ricevuto non vi sia già espressamente scritto che sei anche autorizzato all’accesso forzato.
    Nella richiesta di disposizioni, farai presente che, in via informale, l’avvocato di parte ti ha comunicato che il soggetto resterà fuori per due mesi e che ti ha chiesto un rinvio dei sopralluoghi: a questo punto, chiederai al G.I. se rinviare le operazioni o se dover accedere forzatamente nel qual caso facendoti autorizzare all’assistenza di un fabbro e della forza pubblica.

    #194347
    Foto del profilo di vellucci aldo Aldo84 
    Partecipante

    Ciao, grazie intanto per le info.
    Farò come dici senza dubbio!
    Intanto posto parte del quesito di riferimento, in modo che possiate darmi ulteriori delucidazioni!
    Oltre a tutto l’iter che dovrò eseguire elencato precedentemente, nel quesito affidatomi, l’attività
    d’ inizio e fine lavori, deve essere svolta sotto la direzione oltre che mia, dell’ufficiale giudiziario, da concordarsi con il C.T.U.
    Allora le mie domande sono queste:
    In che modo io debba mettermi in contatto con l’ufficiale giudiziario?
    Siccome già devo mettermi in contatto con questa figura giuridica, devo comunque chiedere al giudice l’autorizzazione per l’accesso forzato?
    Grazie!

    #194348
    Foto del profilo di Battistoni Luca lb 
    Partecipante

    Devi sentire il responsabile dell’UNEP – Ufficio Notificazioni E Protesti e concordare con lui i passaggi che sono necessari.
    A mio parere, comunque, in questa fase l’Ufficiale Giudiziario potrebbe non entrare ancora del tutto in scena in quanto – come scrivi – il quesito ti chiede di accertare se i lavori descritti nella prima CTU siano stati eseguiti; quindi devi prima entrare e fare questo accertamento (dovrai anche fare foto e rilievi per il computo metrico eventuale).
    E’ evidente che, per l’ingresso forzato non necessariamente serve l’Ufficiale Giudiziario (il quale poi dovrà entrare in scena per confermare l’inizio e la fine lavori), ma, in questo caso, è forse bene farlo intervenire in modo tale che poi diventi anche il custode delle chiavi che verranno poste con la nuova serratura.
    Se noti che i lavori sono stati eseguiti, allora finisce lì, altrimenti, sempre come ti dice il quesito, dovrai eseguire un computo metrico sulla base dei lavori di ripristino descritti dal primo CTU e chiedere le eventuali autorizzazioni edilizie (probabilmente, dal tipo di lavoro, potrà essere una CIL asseverata) oltre che contattare l’impresa per il lavoro.
    Prima di iniziare gli eventuali lavori, io mi farei autorizzare un congruo acconto per le spese del fabbro (se utilizzato) e per anticipare le spese all’impresa.

Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)

Devi aver eseguito l’accesso per poter rispondere a questa discussione.

CONTATTACI

Se avete domande o dubbi, non esitate a contattarci. Lo Staff di Consulenti Tecnici vi risponderà prima possibile.

Sending

©2015 Consulenti Tecnici - C.F. BRBPTR80P18E463B - Design by Housegrafik

Log in with your credentials

or    

Forgot your details