Esecuzione Immobiliare: assenza garanzia per vizi

Questo argomento contiene 3 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da Foto del profilo di Terzo Filippo filyterzo 2 settimane, 5 giorni fa.

  • Autore
    Articoli
  • #194437
    Foto del profilo di Terzo Filippo filyterzo 
    Partecipante

    Salve.
    Da qualche tempo (2015) è entrata in vigore la nuova normativa del c.p.c. che obbliga gli uffici dell’esecuzione immobiliare a porre determinati quesiti agli Esperti: tra quelli previsti dall’articolo 173-bis del c.p.c. sussiste quello di apportare una decurtazione, mediante una percentuale che va dal 15 % al 20 %, per assenza della garanzia per vizi del bene venduto, e viene precisato che tali adeguamenti vengano effettuati in maniera distinta per oneri di regolarizzazione urbanistica, lo stato d’uso e di manutenzione, lo stato di possesso, i vincoli e gli oneri non eliminabili nel corso del procedimento esecutivo, nonché le spese condominiàli insolute.
    Premesso che alcuni tribunali, ad esempio quello di Piacenza, annette alle motivazioni della decurtazione anche il fatto che il bene sia venduto in maniera “rapida”, preme fare le seguenti osservazioni:
    – non essendo quest’ultimo concetto riportato nel suddetto articolo, non rimane altro che giustificare la decurtazione del 15/20 %;
    – a tal proposito sorgono dubbi sollevati principalmente dal fatto che in passato queste operazioni venivano già espletate in maniera specifica considerando la decurtazione per i vari oneri di regolarizzazione urbanistica, ecc.;
    – adesso due domande sorgono spontaneee:
    1) questa percentuale è attinente la decurtazione per quegli oneri elencati nell’articolo o è per altre motivazioni? (io non ho dubbi che sia la prima, il dubbio nasce da ciò che è descritto al 2). Se la risposta risiede nella seconda, quali sarebbero questi motivi?
    2) se, per caso, effettuando le opportune ricerche non viene riscontrata alcuna anomalìa che possa portare ad una giustificata decurtazione, che senso avrebbe applicare quella percenuale in un valore definito tra il 15 % e il 20 % (tra l’altro è facilmente intuibile che è come se già si sapesse a quanto ammonterebbero tali oneri!!!).
    Voi, come vi state comportando?
    Grazie anticipatamente per le eventuali risposte.
    Cordiali saluti.

    #194440
    Foto del profilo di Battistoni Luca lb 
    Partecipante

    Dove rilevi che la norma indichi una percentuale compresa tra un 15 ed un 20 per cento?

    #194443
    Foto del profilo di Terzo Filippo filyterzo 
    Partecipante

    Sì, scusa. È nei quesiti chiesti dal Tribunale dove svolgo l’attività di Esperto.

    • Questa risposta è stata modificata 2 settimane, 5 giorni fa da Foto del profilo di Terzo Filippo filyterzo.
    #194445
    Foto del profilo di Terzo Filippo filyterzo 
    Partecipante

    https://ibb.co/nEYBxm

    • Questa risposta è stata modificata 2 settimane, 5 giorni fa da Foto del profilo di Terzo Filippo filyterzo.
    • Questa risposta è stata modificata 2 settimane, 5 giorni fa da Foto del profilo di Terzo Filippo filyterzo.
Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)

Devi aver eseguito l’accesso per poter rispondere a questa discussione.

CONTATTACI

Se avete domande o dubbi, non esitate a contattarci. Lo Staff di Consulenti Tecnici vi risponderà prima possibile.

Sending

©2015 Consulenti Tecnici - C.F. BRBPTR80P18E463B - Design by Housegrafik

Log in with your credentials

or    

Forgot your details